.
Annunci online

Blog personale e risorse per pazienti del Dott. Marco Paolemili
SOCIETA'
5 ottobre 2012
Screening cognitivo gratuito per gli anziani
Domenica 7 Ottobre, dalle ore 14.00 alle ore 19.00 in occasione della Festa dei Nonni, organizzata dalla Onlus Telefono d'Argento, gli operatori di Mens Sana saranno presenti a Roma, in piazza Ungheria per una valutazione delle funzioni cognitive degli anziani. Questa iniziativa, a cui collabora anche il Rotary Club Roma Appia Antica è rivolta a tutti gli anziani ed è gratuita.

La finalità dell'iniziativa, sposata anche da Telefono d'Argento, è quella di organizzare delle giornate di screening dei disturbi psichici più comuni negli anziani (deficit della memoria, depressione senile, esordi di demenze) in tutti i Municipi di Roma. Grazie al supporto logistico del Rotary, che fornirà un camper sul quale i nostri specialisti potranno sostenere i colloqui e le valutazioni, nel corso dell'anno cercheremo di raggiungere le varie zone di Roma per offrire un servizio gratuito di prevenzione ai cittadini.

SOCIETA'
21 febbraio 2011
End Polio Now: la testimonianza del Distretto Rotary 2080

Carissimi Amici,

rotariani e non, al rientro dall’INDIA, dove una squadra distrettuale si è recata per la campagna NID (National Immunization Day) per l’eradicazione della Polio, vi dobbiamo le nostre impressioni su questa esperienza di “servizio” che ci ha veramente toccato, premettendo, però, che sotto il profilo operativo il nostro apporto è stato contenuto anche se pesante per impegno.

Abbiamo affiancato i volontari di New Deli, organizzati dai Rotary Club locali, che con spirito di abnegazione e grossi sacrifici, hanno sposato la causa, sobbarcandosi, un duro lavoro, credetemi, massacrante, ma la nostra presenza come di quelli che si vi si recano per analogo “servizio” è importantissima per 3 principali motivi:

  • Incoraggia, sprona, e dà una forte carica di entusiasmo ai volontari locali in un lavoro, come detto, incredibilmente duro, casa per casa, se non quando in punti di raccolta in zone di estremo degrado; Il lavoro viene svolto con gravi rischi igienici e di sicurezza ed è per questo che non dobbiamo lasciare soli questi volontari facendogli sentire che tutto il Rotary International a livello mondiale è loro vicino.

  • Inoltre la presenza di tanti rotariani da tutto il mondo, focalizza l’attenzione, quindi l’impegno, del Governo Indiano che, messo sotto la lente di ingrandimento, è obbligato a chiudere questa campagna e ad eradicare la Polio in India. Tutto il mondo guarda come operano le autorità sanitarie locali con i volontari ed è anche per questo che il Governo indiano avverte questa responsabilità.

  • Infine i volontari rotariani di tutto il mondo - lì abbiamo trovato rotariani tedeschi, olandesi, statunitensi, canadesi, e molti provenienti da Hong Kong e dalla Nuova Zelanda , solo per citarne alcuni – sono i veri testimonial di questa lotta, con un importantissimo compito, quello di trasmettere all’interno e all’esterno dei loro Club che l’impegno è in fase finale e che non bisogna abbassare la guardia per sconfiggere questa terribile malattia e che occorre sostenere la Fondazione Rotary con ulteriori residui finanziamenti, come ha fatto nei giorni scorsi la Fondazione Melinda e Billi Gates, che, oltre alle somme già finanziate a stanziate, ha erogato un ulteriore contributo per l’eradicazione della malattia in Afghanistan e in Pakistan.

Quali sono in sintesi i pensieri di chi ha portato a termine questa servizio?

Li trascrivo di seguito, così come mi sono pervenuti e credo che sia utile pubblicarne le foto perché devono essere ricordati per il loro spirito rotariano che travalica la lotta alla Polio.

Grazie

Roberto Scambelluri


Alberto Cecchini

Nella povertà si riesce a cogliere il senso della vita. Ogni goccia di vaccino non solo ha dato una speranza ad una giovane vita ma ha rafforzato il nostro essere rotariani. Il futuro del Rotary darà necessariamente spessore per un maggiore coinvolgimento attivo dei soci.

Ingegnere

Eradicatore della Polio


Cristina Cecchini

Siamo state piccole gocce che contribuiranno a creare un immenso mare

Biologa

Eradicatore della Polio


Giampaolo Cioccia

Il nostro intervento rappresenta una goccia in un oceano che sicuramente insieme alle altre piccole gocce contribuirà a formare un grande mare. Bastano due gocce di vaccino, meno di 50 centesimi di euro, per fare la differenza tra una vita normale ed un’esistenza ulteriormente aggravata dalla disabilità della Polio.

Ritengo questa sfida rappresenti un obbligo morale per tutti noi.

Medico

Eradicatore della Polio


Francesco Mengucci

Due gocce per dire addio alla Polio, un sorriso per gettare un ponte tra i continenti e creare amicizia

Dottore Commercialista

Eradicatore della Polio


Marco Paolemili

La gioia più grande è stata quella di rendere un pò più facile il futuro di un bambino che ha molto meno di quello che ho avuto io.

Medico

Eradicatore della Polio


Salvatore Posca

Rotary, due braccia per cingere un mondo di amicizia

Farmacista

Eradicatore della Polio


Piergiorgio Poddighe

Forse due gocce di vaccino antipolio non lo salveranno dalla fame e dalla povertà. Il Rotary si deve quindi impegnare per garantire migliori condizioni di vita favorendo l’istruzione

Avvocato

Eradicatore della Polio


Roberto Scambelluri

Rientro in Italia con un gran turbamento, ma il Rotary mi riporterà ancora dove l’infanzia ed i più deboli soffrono per le pessime condizioni di vita e riporteremo ancora, dove servono, gocce di pace, gocce di salute, gocce di istruzione e promozione sociale perché singole gocce insieme sollevano transatlantici.

Questo è il nostro impegno che mettiamo nelle vostre mani , soprattutto dei giovani, per chiudere questo capitolo. END POLIO NOW

Avvocato

Eradicatore della Polio



diari di viaggio
26 gennaio 2011
Porta a porta, passo dopo passo
Dopo i Booth, è stata la volta del door-to-door. Gli addetti alla vaccinazione, incaricati dal Governo indiano, hanno un registro, diviso per aree, dove sono segnate tutte le famiglie con bambini residenti nella zona, che hanno o non hanno ancora fatto vaccinazioni o richiami. Se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto: chi non si è presentato ai Booth per farsi vaccinare, viene vaccinato a domicilio. In alcune zone più povere e meno controllabili (dove non ci sono citofoni, cassette della posta o buon vicinato) viene apposto un adesivo sull'uscio (certe case la porta non la hanno) per segnalare l'avvenuta vaccinazione. Solitamente a non vaccinarsi sono gli smemorati, quelli meno attenti alla salute dei propri figli e i bambini più benestanti (termine molto relativo negli slums e relativo un po' ovunque qui a Delhi) che non si sono voluti avventurare tra la folla di persone molto povere, vaccinate spesso per strada o in locali molto fatiscenti.
Si raggiungono così molti altri bambini, qualcuno era a scuola o nessuno si è presentato alla porta (c'è gente che la mattina non è in casa, ma ci sono ancora delle resistenze e qualcuno non apre la porta), i vaccinatori ripasseranno la settimana prossima.
Noi fra qualche giorno andremo via, ma la macchina non si ferma di certo e tanti e tanti altri volontari, medici, infermieri e assistenti continueranno a vaccinare i piccoli Indiani, passo dopo passo, giorno dopo giorno, fino a quando anche l'India sarà un paese Polio free. 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vaccinazione rotary polio

permalink | inviato da marcopaolemili il 26/1/2011 alle 12:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
diari di viaggio
23 gennaio 2011
Stiamo facendo la storia
La vaccinazione è cominciata, centinaia di migliaia di "booth", cioè di postazioni adibiti alla vaccinazione sono stati allestiti in tutta l'India. Si parte la mattina presto, per proseguire fino alle 17. E' domenica e la gente se la prende comoda, non c'è molta gente che arriva nelle prime ore del mattino, anche se molto dipende dalla zona, più o meno popolata (parliamo comunque di densità abitative altissime), già più o meno vaccinata. Eppure verso le 10.30 un Booth di Delhi ha già raggiunto quota 150 vaccinazioni.
I Booth sono allestiti un po' ovunque, spesso negli ambulatori delle equivalenti delle nostre Asl, ma anche per strada, nei consultori, insomma dove la gente possa facilmente individuarli e raggiungerli. Si vaccinano i bambini da 0 a 5 anni, ma arriva anche qualche bambino di 9 o 10 anni, che è ancora rimasto indietro. Date le condizioni di salute di gran parte della popolazione, per essere efficace il vaccino ha bisogno di numerosi richiami, anche 12, rispetto ai 2-3 che venivano fatti fino a pochi anni fa nei paesi occidentali.
Basta due gocce in bocca per essere vaccinati e questa è la chiave del successo. Grandi resistenze c'erano state quando il vaccino era iniettivo, molte mamme non volevano far vaccinare i loro figli, cosa c'era veramente dentro quella siringa? Molti bambini maschi di religione musulmana non erano stati vaccinati: dei leader religiosi locali avevano messo in giro che il vaccino rendesse sterili (fesserie pari a quelle dette dai preti cattolici africani, secondo i quali il virus del HIV può passare attraverso i pori del preservativo). Invece il vaccino orale è innocuo e si può provare: ai signorotti locali o alle mamme diffidenti puoi dimostrarlo ingerendo tu due gocce dalla stessa boccettina che darai a suo figlio. Quindi male non farà, giusto?
Così i casi di Polio stanno andando giù come non sono mai andati prima, il 2010 è stato un successo, ma c' ancora da fare e non basterà il 2011 a fermare la Poliomielite. C'è ancora molto da fare e c'è bisogno dell'aiuto di tutti.
diari di viaggio
22 gennaio 2011
I numeri del National Immunization Day in India (fino ad oggi)

709.000 punti di vaccinazione

2.500.000 vaccinatori

1.170.000 squadre di vaccinazione

155.000 supervisori, con 155.000 veicoli (macchine, motociclette, biciclette, barche, elefanti, cammelli)

225.000.000 dosi di vaccino per la poliomielite, portati in giro per la nazione in 2 milioni di borse porta vaccino

6.300.000 pacchi di ghiaccio per tenere a temperature tutti i 2 milioni di borse

209.000.000 di case visitate

172.000.000 di bambini immunizati

diari di viaggio
22 gennaio 2011
Gli Indù si proteggono
Il tempio di Akshardham non è menzionato dalla gran parte delle guide turistiche probabilmente perchè è stato eretto negli ultimi anni, ma è una meraviglia che bisogna assolutamente visitare per la sua bellezza architettonica e artistica e per la sua immensa carica spirituale.
E' un tempio induista, il più grande e più importante dell'India e credo anche del mondo.
Accanto alla sua grandezza, si nota la sicurezza: imponenti misure per controllare zaini, macchine fotografiche e automobili. All'interno del complesso si può introdurre solo il portafoglio, che viene controllato all'interno, vietato qualsiasi altro tipo di oggetto. La nostra guida minimizza e dice che qui in India non ci sono problemi di sicurezza, è seriamente preso dalla scralità del tempio (è Induista e ci spiega molto della sua religione), mente chiaramente sul rischio attentati. Alla fine ammette: "Beh, almeno qui non ce ne sono ancora stati". Musulmani contro Induisti, caste come i Sikh (la guida non ci porta a visitare il loro tempio, noi abbiamo il sospetto che sia perchè non lo facciano entrare poichè non appartenente ai Sikh), ricchi e molto poveri: qui ci sono tutti i presupposti perchè qualcosa accada. Il 26 gennaio sarà la festa della Repubblica, le misure di sicurezza aumenteranno ancora.

Lasciatemi in ultimo ricordare il Mahatma (grande anima) Ghandi, siamo stati a visitare la sua tomba. Abbiamo reso omaggio al padre della nonviolenza e dell'indipendenza indiana. Chissà cosa penserebbe oggi della sua India, che si è comprata la Jaguar, simbolo della nobiltà Inglese, ma che ancora mostra una povertà vastissima, un gap ricchi-poveri che non sembra essersi affatto ristretto.

diari di viaggio
21 gennaio 2011
L'arrivo a New Delhi

Viaggio scomodo, completamente senza chiudere occhio. Le poltrone della classe economica della Jet Airlines, sembrano essere peggiori anche di quelle dell'Alitalia.

Il nostro albergo, l'hotel Le Meridien è fantastico, ma la prima cosa che si nota sono le telecamere, la sicurezza, i controlli delle auto e il metal detector all'entrata. Questo hotel non è l'India, che è quella che si vede dalle finestre dell'hotel, mettendo il naso un po' fuori. Evidente l'India ricca qualche paura dell'India che resta povera nonostante lo sviluppo economico tra i più alti del mondo, lo ha.

Al momento non riesco a caricare le foto sul sito perchè hanno dimensioni troppo grandi. Dovrò rimpicciolirle, ma da qui non credo di riuscirci. Volevo dare una dimensione della differenza dal "dentro" e "fuori" di cui parlavo prima. Oltre le bellezze dei templi e dei palazzi delle dinastie indiane (quelle che c'erano prima della dominazione inglese e quello che rimane dalla distruzione operata dai sudditi di sua maestà), non si possono non notare le condizioni igieniche in cui vive la popolazione: terreno fertile per malattie come la Poliomielite, che ha una trasmissione orofecale.
La situazione peggiore, per ora l'abbiamo vista a Delhi vecchia, dove la situazione del mercato, dominato dalla grande moschea, ci da' un quadro (e ci preoccupa anche un po') di quello che sarà il nostro lavoro.

Perchè in India c'è ancora lo Poliomielite? Non sono solo le condizioni igieniche naturalmente, quello che ha inciso di più è stato un problema culturale: in alcuni villaggi le madri non permettevano che i loro figli venissero bucati con delle siringhe (ora abbiamo un vaccino orale, ma una volta si usava quello intramuscolare). Credo che comunque il governo indiano non vi abbia messo prima il dovuto impegno.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. india rotary polioplus

permalink | inviato da marcopaolemili il 21/1/2011 alle 14:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
SOCIETA'
16 gennaio 2011
Dal 19 gennaio diario della spedizione in India

Ci siamo, il 19 gennaio partirò per l'India per il progetto PolioPlus del rotary International. Porteremo il vaccino contro la Poliomielite nelle zone rurali dell'India, dove ancora questo virus non è ststo debellato.

Sul mio blog, collegamento ad internet permettendo, seguirò tutte le tappe del nostro viaggio, che mi vede impegnato come Medico Volontario che somministrerà i vaccini e effettuerà sopralluoghi nei villaggi per tentare di migliorare le condizioni igieniche in cui vivono molti paesi indiani.

Il viaggio comincia mercoledì 19 gennaio, alle ore 15: appuntamento all'aeroporto di Roma, Leonardo Da Vinci


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. india rotary polio poliomielite

permalink | inviato da marcopaolemili il 16/1/2011 alle 12:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
31 dicembre 2010
Mens Sana e Rotary Foundation insieme contro la Poliomielite


Mens Sana aderisce e sostiene la campagna "PolioPlus", il più ambizioso programma della storia del Rotary, costituisce la componente di volontariato della partnership globale per l’eradicazione della polio. Da più di 20 anni il Rotary è alla guida di questa iniziativa globale per sconfiggere questa terribile malattia. Oggi il PolioPlus è universalmente riconosciuto come un modello di riferimento nell’ambito della cooperazione tra pubblico e privato per il perseguimento di obiettivi umanitari.

Dopo vent'anni di duro lavoro, il Rotary ed i suoi partner sono sul punto di eradicare la tenace malattia della polio, ma proprio adesso è necessaria una forte spinta per darle il colpo decisivo. E' un'opportunità di proporzioni storiche.
Il vostro contributo aiuterà il Rotary a raccogliere 200 milioni per equiparare i 355 milioni della sovvenzione sfida lanciata dalla Fondazione Bill & Melinda Gates. I 555 milioni di USD derivanti andranno direttamente a sostegno delle campagne d'immunizzazione nei paesi in via di sviluppo, dove la polio continua a paralizzare e infettare i bambini, privandoli del loro futuro e aumentando le difficoltà delle loro famiglie.

A questo link troverete informazione su cos'è la poliomielite e maggiori dettagli sulla campagna del Rotary

Fino a quando la poliomielite minaccia anche un solo bambino in tutto il mondo, tutti i bambini del mondo sono ancora a rischio. La posta in gioco è alta.

Stiamo raccoglieno fondi per inviare medici nel mese di gennaio in India, uno dei paesi, assieme all'Afghanistan, Pakistan e Nigeria, dove la Poliomielite è ancora presenti, con circa 700 nuovi casi l'anno.

Per contribuire e finanziare l'invio di medici dall'Italia nel mese Gennaio 2011 potete fare un bonifico a favore del Distretto 2080 del Rotary International, specificando nella causale "India",  IBAN: IT 74 T 03104 04803 000000 820814 c/o la Deutsche Bank, filiale di Via Sonnino 135- Cagliari,  intestato al Distretto 2080 R.I.

Oppure potete contattare la nostra associazione, che provvederà a versare le quote dei donatori direttamente.This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

Fate un regalo di Natale a chi è meno fortunato. Buon Natale a tutti voi da Mens Sana.

 

Marco Paolemili

Presidente di Mens Sana Onlus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rotary mens sana poliomielite

permalink | inviato da marcopaolemili il 31/12/2010 alle 10:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Benvenuti nel blog del Dott. Marco Paolemili, Psichiatra e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Presidente di Mens Sana Onlus

Curriculum e profilo professionale

 

Studi Medici a Roma:

Via di Monte Verde 85 - Via Labicana 62

 

Per informazioni e contatti:

Segreteria: 0683390682

Cellulare: 3206975533

Email: marco.paolemili@uniroma1.it

Skype: marco.paolemili Skype Me™!

 


 

Dr. Marco Paolemili

 



Virtual community



Tocque Ville


NeoLib

 



New Media



 

 



Iniziative
 
 

 

 

 

 

 



Associazioni

 

Società Italiana di Psicopatologia 

 

 

NeoLib




Istituto Bruno Leoni
 


 

 


Sponsor