.
Annunci online

Blog personale e risorse per pazienti del Dott. Marco Paolemili
diari di viaggio
23 gennaio 2011
Stiamo facendo la storia
La vaccinazione è cominciata, centinaia di migliaia di "booth", cioè di postazioni adibiti alla vaccinazione sono stati allestiti in tutta l'India. Si parte la mattina presto, per proseguire fino alle 17. E' domenica e la gente se la prende comoda, non c'è molta gente che arriva nelle prime ore del mattino, anche se molto dipende dalla zona, più o meno popolata (parliamo comunque di densità abitative altissime), già più o meno vaccinata. Eppure verso le 10.30 un Booth di Delhi ha già raggiunto quota 150 vaccinazioni.
I Booth sono allestiti un po' ovunque, spesso negli ambulatori delle equivalenti delle nostre Asl, ma anche per strada, nei consultori, insomma dove la gente possa facilmente individuarli e raggiungerli. Si vaccinano i bambini da 0 a 5 anni, ma arriva anche qualche bambino di 9 o 10 anni, che è ancora rimasto indietro. Date le condizioni di salute di gran parte della popolazione, per essere efficace il vaccino ha bisogno di numerosi richiami, anche 12, rispetto ai 2-3 che venivano fatti fino a pochi anni fa nei paesi occidentali.
Basta due gocce in bocca per essere vaccinati e questa è la chiave del successo. Grandi resistenze c'erano state quando il vaccino era iniettivo, molte mamme non volevano far vaccinare i loro figli, cosa c'era veramente dentro quella siringa? Molti bambini maschi di religione musulmana non erano stati vaccinati: dei leader religiosi locali avevano messo in giro che il vaccino rendesse sterili (fesserie pari a quelle dette dai preti cattolici africani, secondo i quali il virus del HIV può passare attraverso i pori del preservativo). Invece il vaccino orale è innocuo e si può provare: ai signorotti locali o alle mamme diffidenti puoi dimostrarlo ingerendo tu due gocce dalla stessa boccettina che darai a suo figlio. Quindi male non farà, giusto?
Così i casi di Polio stanno andando giù come non sono mai andati prima, il 2010 è stato un successo, ma c' ancora da fare e non basterà il 2011 a fermare la Poliomielite. C'è ancora molto da fare e c'è bisogno dell'aiuto di tutti.
diari di viaggio
22 gennaio 2011
I numeri del National Immunization Day in India (fino ad oggi)

709.000 punti di vaccinazione

2.500.000 vaccinatori

1.170.000 squadre di vaccinazione

155.000 supervisori, con 155.000 veicoli (macchine, motociclette, biciclette, barche, elefanti, cammelli)

225.000.000 dosi di vaccino per la poliomielite, portati in giro per la nazione in 2 milioni di borse porta vaccino

6.300.000 pacchi di ghiaccio per tenere a temperature tutti i 2 milioni di borse

209.000.000 di case visitate

172.000.000 di bambini immunizati

diari di viaggio
22 gennaio 2011
Gli Indù si proteggono
Il tempio di Akshardham non è menzionato dalla gran parte delle guide turistiche probabilmente perchè è stato eretto negli ultimi anni, ma è una meraviglia che bisogna assolutamente visitare per la sua bellezza architettonica e artistica e per la sua immensa carica spirituale.
E' un tempio induista, il più grande e più importante dell'India e credo anche del mondo.
Accanto alla sua grandezza, si nota la sicurezza: imponenti misure per controllare zaini, macchine fotografiche e automobili. All'interno del complesso si può introdurre solo il portafoglio, che viene controllato all'interno, vietato qualsiasi altro tipo di oggetto. La nostra guida minimizza e dice che qui in India non ci sono problemi di sicurezza, è seriamente preso dalla scralità del tempio (è Induista e ci spiega molto della sua religione), mente chiaramente sul rischio attentati. Alla fine ammette: "Beh, almeno qui non ce ne sono ancora stati". Musulmani contro Induisti, caste come i Sikh (la guida non ci porta a visitare il loro tempio, noi abbiamo il sospetto che sia perchè non lo facciano entrare poichè non appartenente ai Sikh), ricchi e molto poveri: qui ci sono tutti i presupposti perchè qualcosa accada. Il 26 gennaio sarà la festa della Repubblica, le misure di sicurezza aumenteranno ancora.

Lasciatemi in ultimo ricordare il Mahatma (grande anima) Ghandi, siamo stati a visitare la sua tomba. Abbiamo reso omaggio al padre della nonviolenza e dell'indipendenza indiana. Chissà cosa penserebbe oggi della sua India, che si è comprata la Jaguar, simbolo della nobiltà Inglese, ma che ancora mostra una povertà vastissima, un gap ricchi-poveri che non sembra essersi affatto ristretto.

diari di viaggio
21 gennaio 2011
L'arrivo a New Delhi

Viaggio scomodo, completamente senza chiudere occhio. Le poltrone della classe economica della Jet Airlines, sembrano essere peggiori anche di quelle dell'Alitalia.

Il nostro albergo, l'hotel Le Meridien è fantastico, ma la prima cosa che si nota sono le telecamere, la sicurezza, i controlli delle auto e il metal detector all'entrata. Questo hotel non è l'India, che è quella che si vede dalle finestre dell'hotel, mettendo il naso un po' fuori. Evidente l'India ricca qualche paura dell'India che resta povera nonostante lo sviluppo economico tra i più alti del mondo, lo ha.

Al momento non riesco a caricare le foto sul sito perchè hanno dimensioni troppo grandi. Dovrò rimpicciolirle, ma da qui non credo di riuscirci. Volevo dare una dimensione della differenza dal "dentro" e "fuori" di cui parlavo prima. Oltre le bellezze dei templi e dei palazzi delle dinastie indiane (quelle che c'erano prima della dominazione inglese e quello che rimane dalla distruzione operata dai sudditi di sua maestà), non si possono non notare le condizioni igieniche in cui vive la popolazione: terreno fertile per malattie come la Poliomielite, che ha una trasmissione orofecale.
La situazione peggiore, per ora l'abbiamo vista a Delhi vecchia, dove la situazione del mercato, dominato dalla grande moschea, ci da' un quadro (e ci preoccupa anche un po') di quello che sarà il nostro lavoro.

Perchè in India c'è ancora lo Poliomielite? Non sono solo le condizioni igieniche naturalmente, quello che ha inciso di più è stato un problema culturale: in alcuni villaggi le madri non permettevano che i loro figli venissero bucati con delle siringhe (ora abbiamo un vaccino orale, ma una volta si usava quello intramuscolare). Credo che comunque il governo indiano non vi abbia messo prima il dovuto impegno.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. india rotary polioplus

permalink | inviato da marcopaolemili il 21/1/2011 alle 14:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
SOCIETA'
16 gennaio 2011
Dal 19 gennaio diario della spedizione in India

Ci siamo, il 19 gennaio partirò per l'India per il progetto PolioPlus del rotary International. Porteremo il vaccino contro la Poliomielite nelle zone rurali dell'India, dove ancora questo virus non è ststo debellato.

Sul mio blog, collegamento ad internet permettendo, seguirò tutte le tappe del nostro viaggio, che mi vede impegnato come Medico Volontario che somministrerà i vaccini e effettuerà sopralluoghi nei villaggi per tentare di migliorare le condizioni igieniche in cui vivono molti paesi indiani.

Il viaggio comincia mercoledì 19 gennaio, alle ore 15: appuntamento all'aeroporto di Roma, Leonardo Da Vinci


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. india rotary polio poliomielite

permalink | inviato da marcopaolemili il 16/1/2011 alle 12:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Benvenuti nel blog del Dott. Marco Paolemili, Psichiatra e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Presidente di Mens Sana Onlus

Curriculum e profilo professionale

 

Studi Medici a Roma:

Via di Monte Verde 85 - Via Labicana 62

 

Per informazioni e contatti:

Segreteria: 0683390682

Cellulare: 3206975533

Email: marco.paolemili@uniroma1.it

Skype: marco.paolemili Skype Me™!

 


 

Dr. Marco Paolemili

 



Virtual community



Tocque Ville


NeoLib

 



New Media



 

 



Iniziative
 
 

 

 

 

 

 



Associazioni

 

Società Italiana di Psicopatologia 

 

 

NeoLib




Istituto Bruno Leoni
 


 

 


Sponsor