.
Annunci online

Blog personale e risorse per pazienti del Dott. Marco Paolemili
SOCIETA'
17 giugno 2016
Raggi e Giachetti: sulla Salute Mentale nessuna risposta
Lo avevamo chiesto due settimane fa a tutti i candidati a Sindaco di Roma Capitale, ma nessuno ci aveva risposto. Ora lo abbiamo chiesto a Virginia Raggi e Roberto Giachetti, rimasti a lottare per la poltrona di Sindaco della Capitale. Sulla tutela della salute mentale, in particolare sulle modalità con cui vengono disposti i trattamenti sanitari obbligatori a Roma, i due candidati non danno risposta.
3 gennaio 2016
La Risonanza Magnetica cerebrale potrebbe individuare i pazienti a rischio di disturbo depressivo maggiore
Secondo uno studio pubblicato su JAMA Psychiatry, la risonanza magnetica funzionale (fMRI) potrebbe essere usata per predire quali pazienti con disturbo depressivo maggiore in remissione abbiano maggiori probabilità di avere ulteriori episodi di depressione.
SCIENZA
27 dicembre 2015
Stati infiammatori del cervello sono legati al rischio di schizofrenia

Uno studio pubblicato a dicembre nel Journal of Psychiatry è il primo a scoprire che le cellule immunitarie sono più attive nel cervello delle persone a rischio di schizofrenia e in quelle a cui è già stata diagnosticata la malattia.

 

La scoperta potrebbe cambiare completamente la nostra attuale comprensione della schizofrenia, aumentando la possibilità di mettere a punto dei test per le persone più a rischio. Ciò potrebbe consentire loro di essere trattati abbastanza presto per evitare i suoi sintomi più gravi.

SOCIETA'
9 settembre 2015
"So quanto possa sembrare infinito il tunnel, ma non perdete la speranza"
Il 10 settembre si celebra la Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio. Ho deciso di fare mio il messaggio di speranza di Zelda Williams.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. suicidio williams

permalink | inviato da marcopaolemili il 9/9/2015 alle 14:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SCIENZA
6 settembre 2015
Ogni 3 secondi un caso di demenza nel Mondo. Oltre la metà sono di Alzheimer
In tutto sono 46,8 milioni le persone affette da una forma di demenza. In Italia ci sono 1.241.000 persone con demenza. L’Alzheimer rappresenta circa il 50-60% delle demenze complessive. Approfondimento


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. alzheimer demenza

permalink | inviato da marcopaolemili il 6/9/2015 alle 13:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
SCIENZA
28 luglio 2015
Fattori culturali ed economici influenzano l'uso di antidepressivi in Europa
L'atteggiamento del pubblico nei confronti della malattia mentale e i livelli di spesa sanitaria possono spiegare la grande differenza di consumo di antidepressivi tra i vari paesi dell'Europa, secondo un nuovo studio pubblicato sul British Journal of Psychiatry.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. antidepressivi europa

permalink | inviato da marcopaolemili il 28/7/2015 alle 15:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SCIENZA
12 luglio 2015
Fumare sigarette è associato ad un aumento del rischio di psicosi
Un nuovo studio condotto pubblicato sul Lancet Psychiatry rivela che il fumo di tabacco è associato ad un aumentato rischio di sviluppare psicosi

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tabacco psicosi

permalink | inviato da marcopaolemili il 12/7/2015 alle 10:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
25 giugno 2015
Il proibizionismo è un crimine
Il 26 giugno si celebra la Giornata Mondiale di Lotta alla Droga. L’ONU, nel 1987, quando instituì questo evento, si era posto l’obiettivo di liberare definitivamente la società dalla droga. Nel 2015 questo obiettivo è probabilmente più lontano da allora dall’essere raggiunto e in molti paesi, le politiche proibizioniste e punitive, che negli anni 80 del secolo scorso erano state accolte con grande entusiasmo, si sono rivelate fallimentari. I politici, così come gli alti funzionari amministrativi, hanno dimostrato ancora una volta di non conoscere la storia. Il proibizionismo che aveva vietato l’alcol negli Stati Uniti d’America era stato la svolta per la criminalità organizzata e non aveva risolto il problema dilagante dell’alcolismo. A beneficiarne non erano stati certamente i cittadini americani, ma i gangster stelle e strisce che fecero affari d’oro con la vendita di alcolici di contrabbando.

Non curanti degli insegnamenti del passato, i Governi di tutto il mondo decisero che era necessario intraprendere una lotta senza confini contro le altre droghe, come l’hashish, la marijuana, l’eroina e la cocaina. Non curanti perché, anche in quella occasione, decisero che proibire, punire e mettere fuori legge sarebbe stata la loro arma vincente. A vincere furono e sono tuttora, invece, i narcotrafficanti e le criminalità organizzate di tutte il mondo, dalla Russia alla Colombia, passando per l’Italia e il Messico. A perdere furono e sono tuttora, i consumatori delle droghe. Uomini e donne più o meno giovani si trovano oggi con due problemi: uno, come liberarsi dalla dipendenza e due, come uscire dai guai giudiziari, dal carcere e dalla criminalità in cui si sono trovati incatenati.

Essere dipendente da una sostanza significa innanzitutto non riuscire ad avere la forza di liberarsi da una schiavitù. Le sostanze d’abuso sono quelle che producono in chi le usa fenomeni di tolleranza e astinenza, per cui per ottenere lo stesso effetto piacevole è necessario assumere sempre quantità maggiori di droga (tolleranza). Non impegnare i recettori del sistema nervoso con la sostanza, cioè non assumerla più, significa stare male fisicamente e psichicamente (astinenza). In più queste sostanze stimolano il craving, il forte desiderio che impegna energie fisiche e psichiche nella ricerca del piacere indotto. Questo insieme di fenomeni provoca una schiavitù. Per stare bene e soprattutto per non stare male allora bisogna affidarsi a chi la droga può vendertela, significa cioè scendere a patti con dei criminali.

La dipendenza, grazie al proibizionismo, ti fa diventare un criminale, oltre che un drogato.
Lo sanno bene le famiglie, che si vedono spesso costrette a vendere i propri beni, impegnare i propri valori o vederli rubati dai propri figli, mariti o mogli.

I governi, dal colore diverso, hanno impegnato ingenti somme di denaro pubblico in quella che loro hanno definito “lotta alla droga”. Hanno cercato di mettersi contro un mercato drogato, nel vero senso della parola. E hanno perso. Non hanno fermato il narcotraffico e hanno condannato individui malati a pene aggiuntive. Invece di investire nel recupero sociale e nella cura dei tossicodipendenti, hanno investito in programmi costosissimi e inefficaci (sono i dati a parlare) che hanno creato più problemi di quanti ne hanno risolti.

Una madre di un ragazzo dipendente da eroina, che si è ammalata gravemente di depressione, una volta mi disse: “Vorrei che mio figlio fosse arrestato di nuovo, almeno in carcere potrà essere aiutato da qualche medico”. Se siete madri, o padri, potete immaginare cosa significa arrivare a sperare questo per il proprio figlio.

Per sconfiggere la droga non “basta dire no” come diceva Nancy Reagan mentre lanciava la prima disastrosa lotta alla droga negli Stati Uniti. Se fosse così facile, non avremo migliaia di professionisti che in ogni parte del mondo cercano ogni giorno di aiutare persone, in ospedali, cliniche, comunità e ambulatori. Queste persone, medici, psicologi, infermieri, operatori, volontari, devono combattere ogni giorno con fondi sempre più esigui e sempre meno risorse. Devono fare gli eroi, mentre vorrebbero solo fare il loro mestiere. In Italia i SerT, le strutture pubbliche delle ASL che curano le dipendenze, vedono ridurre progressivamente il loro personale e non hanno nemmeno i soldi per pagare le cure, lunghe e complesse, dei tossicodipendenti. Per ignoranza o malafede, i nostri governi condannano uomini e donne, nei tribunali e nelle strade, alla sofferenza, all’emarginazione e alla morte.

Il proibizionismo è un crimine. Se vogliamo davvero combattere la droga, dobbiamo imparare a pensare diversamente.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. droga proibizionismo dipendenza

permalink | inviato da marcopaolemili il 25/6/2015 alle 18:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SCIENZA
18 giugno 2015
La schizofrenia e il disturbo bipolare potrebbero condividere con la creatività alcune caratteristiche genetiche
Nuove ricerche hanno ipotizzato che i geni legati alla creatività potrebbero anche aumentare il rischio di sviluppare schizofrenia e disturbo bipolare.

SCIENZA
7 giugno 2015
La depressione durante la gravidanza potrebbe aumentare il rischio di depressione dei figli in età adulta
La depressione delle madri durante la gravidanza, e non nel postpartum, potrebbe rappresentare un rischio di depressione dei propri figli in età adulta.

Intervenendo durante la gravidanza, sia i tassi di maltrattamento sui minori che dei disturbi depressivi nei giovani adulti potrebbero potenzialmente essere ridotti.

Nei nostri centri tutte le donne in gravidanza possono essere sottoposte a screening per la depressione e a quelle identificate come a rischio verrà offerto l'accesso prioritario alle terapie psicologiche. Informati!

SCIENZA
31 maggio 2015
Dagli Antidepressivi benefici per le donne con depressione post-natale
Gli antidepressivi sono associati a migliori tassi di risposta al trattamento e remissione nelle donne con depressione post-natale, rispetto a un placebo, secondo una nuova revisione sistematica della letteratura scientifica.

SCIENZA
7 maggio 2015
Il legame tra autismo e vaccino trivalente non esiste
Il vaccino trivalente, contro morbillo, rosolia e parotite non provoca aumento del rischio di autismo nei bambini, lo dice anche l'ultimo studio pubblicato sul Jama

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Autismo vaccino

permalink | inviato da marcopaolemili il 7/5/2015 alle 18:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
cinema
27 aprile 2015
Progetto "Tè corto" - Cortometraggi per stimolare la partecipazione
Vi segnalo questa importante iniziativa per la Psichiatria romana organizzata dalla Onlus Mens Sana, di cui, con onore, sono il presidente. Si tratta di un progetto che vuole utilizzare cortometraggi cinematografici di registi emergenti come stimolo alla cura e alla socializzazione dei pazienti ricoverati nel reparto di Psichiatria dell'Ospedale G. B. Grassi di Ostia.

Abbiamo bisogno di un piccolo aiuto per realizzare il progetto. La ASL non ha i fondi per acquistare un televisore nuovo, adeguato per la visione in formato digitale dei cortometraggi, e Mens Sana ha lanciato una raccolta di denaro per far partire finalmente il progetto.

Rendi realtà questo progetto, aiuta il reparto di psichiatria dell'Ospedale Grassi!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. psichiatria ospedale grassi cinema

permalink | inviato da marcopaolemili il 27/4/2015 alle 19:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SCIENZA
14 aprile 2015
L'uso di cannabis ad alta potenza è associato con il 24% dei nuovi casi di psicosi
Uno studio pubblicato su Lancet Psychiatry rivela quanto sia importante discriminare la frequenza e la quantità di cannabis utilizzata per stimare il rischio di sviluppare una psicosi.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cannabis psicosi schizofrenia

permalink | inviato da marcopaolemili il 14/4/2015 alle 9:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SCIENZA
2 aprile 2015
Sindrome di burnout: quando lo stress da lavoro diventa patologico
Un mio contributo pubblicato sul sito Pazienti.it

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. burnout stress lavoro germanwings

permalink | inviato da marcopaolemili il 2/4/2015 alle 15:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
29 marzo 2015
Addio Opg. La mappa a quattro giorni dalla chiusura.
La maggior parte delle Regioni è pronta. Piemonte e Campania quelle più in affanno. Il Veneto va per conto suo. A regime ci saranno 34 strutture e 795 letti alternativi ai vecchi ospedali psichiatrici giudiziari. Tutta la situazione reale qui.
politica interna
25 marzo 2015
Chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, riflessione sui problemi ancora da affrontare
Una interessante riflessione sulla chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari del Professor Massimo Biondi
SOCIETA'
1 marzo 2015
Le persone con gravi malattie mentali sono più spesso vittime di un reato
Le persone con gravi malattie mentali sono quasi tre volte più a rischio di essere vittime di reati rispetto alla popolazione generale, secondo uno studio pubblicato a Febbraio sul British Journal of Psychiatry.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vittima paziente psichiatrico reato

permalink | inviato da marcopaolemili il 1/3/2015 alle 15:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SCIENZA
17 febbraio 2015
Quanto tempo dobbiamo dedicare al sonno?
La National Sleep Foundation americana ha redatto delle nuove linee guida sulla quantità di sonno che ciascuno di noi dovrebbe perseguire quotidianamente.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sonno orario insonnia

permalink | inviato da marcopaolemili il 17/2/2015 alle 10:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
SCIENZA
1 gennaio 2015
20 anni di ricerca sulla Cannabis: cosa abbiamo imparato?
E' ormai chiaro che la cannabis produca effetti negativi sulla salute mentale e fisica. Cosa abbiamo imparato in 20 anni di ricerca?

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cannabis danni effetti

permalink | inviato da marcopaolemili il 1/1/2015 alle 14:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 659349 volte

Benvenuti nel blog del Dott. Marco Paolemili, Psichiatra e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Presidente di Mens Sana Onlus

Curriculum e profilo professionale

 

Studi Medici a Roma:

Via di Monte Verde 85 - Via Labicana 62

 

Per informazioni e contatti:

Segreteria: 0683390682

Cellulare: 3206975533

Email: marco.paolemili@uniroma1.it

Skype: marco.paolemili Skype Me™!

 


 

Dr. Marco Paolemili

 



Virtual community



Tocque Ville


NeoLib

 



New Media



 

 



Iniziative
 
 

 

 

 

 

 



Associazioni

 

Società Italiana di Psicopatologia 

 

 

NeoLib




Istituto Bruno Leoni
 


 

 


Sponsor